Dea Diana – Vangelo delle streghe

di Morgana Commenta

dianaChi fu a creare stelle e pioggia? La Dea Diana, nata prima della creazione stessa è colei che tutto ha. Separò dapprima la luce dall’oscurità, Lucifero e se stessa e l’altra sua metà divennero luce, una luce così bella, che suo fratello Lucifero la inghiotti con passione e questo originò l’alba.

La luce scappò dall’avido Lucifero a causa della sua bramosia, tanto che Diana chiese aiuto ai Padri del Principio e alle madri degli spiriti lamentandosi con loro di Lucifero. Loro le risposero che per risorgere avrebbe dovuto prima cadere, poi diventare mortale.
Diana andò sulla terra e Lucifero la seguì, ed essa gli insegnò ad usare la magia. Diana un giorno assunse le sembianze di un gatto, animale preferito da Lucifero, che ne aveva uno che dormiva sempre sul suo letto. Il gatto di Lucifero in realtà era una fata, alla quale Diana chiese di fare uno scambio. Diana prese il posto del gatto, giacque con suo fratello, assunse il suo normale aspetto durante la notte e diventò madre di Aradia.

Il mattino, quando Lucifero si svegliò e noto che la luce aveva preso il sopravvento, divenne cattivo, furioso, ma Diana attraverso un incantesimo lo calmò.

Attraverso la magia, la bella Diana incantò Lucifero, facendolo cadere ai suoi piedi. Diana non era conosciuta da fatem streghe e folletti, ma la sua passione per la stregoneria la portò a dire a tutti gli esseri magici che poteva trasformare le stelle in topi, loro risposero: Se tu puoi fare una simile stranezza, se sei realmente assurta a tale potere, sarai la nostra regina

Diano riuscì nel prodigio e per tre giorni le stelle erano topi, e Diana divenne la regina in discussa di tutte le streghe, governando cielo e pioggia.

Prossimamente esamineremo altre parti del vangelo delle streghe, per ora che la Dea sia la vostra guida.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>